Posts tagged ‘precari’

luglio 12, 2012

Continua l’assalto alla diligenza…


Il sindaco di Messina, tale Sig. Ricevuto, ha la giunta comunale piu’ numerosa in Italia. Nomine su nomine PRETESE dai partiti! E ovviamente il bilancio del Comune fa piangere.

Leggevo oggi che la Sicilia conta 28000 forestali, di cui 26000 precari ad onor del vero…Che sopravvivono in una sorta di ricatto reciproco con la Regione: se i contratti non vengono rinnovati, danno fuoco a tutte le aree che possono, dimostrando a modo loro la necessita’ di personale per quest’isola che brucia con un po’ di caldo. D’altro canto, i politici esercitano su queste migliaia di persone una pressione notevole, in quanto da decenni ormai ne pretendono il voto in cambio ovviamente di questi contrattini…

Tutto per la modica cifra di 693 Milioni di Euro…

Insomma, inutile ricordare che le elezioni si avvicinano, e la corsa alla compravendita di voti con soldi pubblici e’ appena iniziata. Chissa’ se il popolo Siciliano si e’ desto, o continuera’ a votare questi farabutti schifosi! Oggi c’e’ un’alternativa, si chiama Movimento 5 Stelle. Che piaccia o meno, questa e’ un’alternativa al clientelismo e alla falsificazione dei bilanci, che oggi sono piu’ in rosso che mai. Bisogna staccare la spina gente. Mettiamo da parte tutte le nostre simpatie ed ideologie. E’ finita: la politica e’ solo clientelismo e corruzione.

luglio 5, 2012

CARI PARASSITI, ANDATE A LAVORARE


parassita

Negli ultimi venti anni credo che la Regione Sicilia non abbia piu’ bandito un concorso. Eppure il personale a carico della Regione stessa e’ cresciuto a dismisura. Oggi abbiamo 22000 precari che PRETENDONO il posto fisso, dopo decenni di contratti a tempo, ottenuti LECCANDO IL SEDERE al politico di turno, che dal canto suo, non ha mai fatto nulla se non i propri interessi.

La gente valida, i vincitori dei concorsi di venti anni fa e piu’ non sono mai stati chiamati, perche’ era necessario finanziare questi squadroni di ignoranti parassiti che vendevano il proprio voto al politico corrotto. Questi precari si difendono dicendo che il bisogno e’ grande e bla bla bla. Ma vorrei chiedere loro se e’ stato giusto, per i loro interessi personali, far salire al potere gente che ha compromesso per sempre il futuro di 5 milioni di persone. E dei loro figli, per quelle poche famiglie che resteranno. E’ emigrata una generazione di laureati e gente onesta per colpa vostra, cari parassiti. Ce lo siamo andati a cercare fuori il lavoro, noi, cari parassiti. Non e’ possibile lavorare/vivere nella societa’ che in massa avete creato voi, cari parassiti. Non e’ possibile viverci onestamente, cari parassiti. E chissa’ quando avremo questo BENEDETTO federalismo fiscale, quando quella minima percentuale di Sicilia produttiva che paga le tasse dovra’ sostenere un carrozzone Regionale allucinante. Cosa direte cari parassiti? Pagateci per non fare un cazzo o vi bruciamo le case?

Che bello il sistema che avete creato cari parassiti. Chi lavora onestamente e paga le tasse, oggi, nella societa’ che avete avvelenato, soccombe. E sopravvive solo l’abusivo: il posteggiatore, il venditore, il costruttore…tutto cio’ che e’ abusivo sopravvive.

Chi vuole lavorare, un lavoro lo cerca o se lo crea. Emigra o rischia. Ma il solo luogo al mondo in cui lo si pretende in casa propria e senza far nulla e’ la Sicilia.

Quindi dico a tutti questi precari, ENTRATI TUTTI SENZA CONCORSO PUBBLICO, che ora parlano di malapolitica con un’ipocrisia disgustosa, CARI  PARASSITI, ANDATE A LAVORARE.

luglio 4, 2012

Non se ne puo’ piu’


E’ in corso una mega protesta dei PRECARI a Palermo. Queste persone rivendicano la stabilizzazione e quindi il posto fisso. Anzi, lo slogan e’ proprio quello: VOGLIAMO IL POSTO FISSO.

Il corteo, come sempre, terminera’ alla presidenza della Regione, come sempre, come ogni protesta, pubblica o privata che sia.

Mi chiedo solo una cosa: queste persone, questi precari, perche’ marciano sempre verso la Regione? Sara’ mica perche’ hanno promesso il loro voto a dei deputati Regionali che lo hanno promesso, pur sapendo che cio’ non sarebbe mai potuto avvenire? E allora, chi ha ragione? Ha ragione chi in MALAFEDE ha venduto il proprio voto ad un politico che non avrebbe mai fatto nulla per la comunita’, che avrebbe curato i propri interessi e quelli degli amici? E che dire di questa classe politica, che in situazioni del genere si chiude dentro le proprie stanze del potere, e promette viaggi della speranza verso Roma a chiedere ancora una volta DENARO, per scongiurare pericoli di sommosse o sconvolgimenti sociali?

Finiamola per favore! Fintanto che queste persone penseranno solo al proprio tornaconto, vendendo il proprio voto a dei delinquenti che non fanno altro che riempire i loro forzieri e a sistemare i propri parenti/amici, questa terra non avra’ mai futuro. O tagliamo la spina, cominciando da questi precari che non sono per niente delle vittime, ma anzi, i primi colpevoli, o da questa situazione non ce ne usciremo mai piu’!