Posts tagged ‘Lombardo’

luglio 18, 2012

Previsioni


Chi mi conosce o chi legge cio’ che scrivo sa benissimo che prospettavo il Default finanziario della regione Sicilia da almeno 1 anno. E oggi questi presentimenti si stanno concretizzando.

Del resto e’ pura ipocrisia del Governo di Roma pretendere di non esserne stato a conoscenza fino ad oggi: le clientele e i numeri insostenibili della macchina burocratica siciliana li conoscevamo tutti: 28000  forestali, 21000 regionali, 20000 dipendenti comunali a Palermo solamente…
E lo sperpero dei fondi Europei? Non lo si conosceva forse? Gli scandali sulla formazione professionale?

Eppure nessun warning, nessun richiamo, nulla. Anzi, come ad avallare questa politica, anche 70 milioni da Silvio per pagare la GESIP. E sanno tutti che in Sicilia si cammina in trazzere costruite dai Borboni, o ci sono ancora ferrovie dei tempi del fascismo. Un territorio insomma dove la mafia ha trovato terreno troppo fertile per svilupparsi fino al mostro che e’ oggi. Dove lo Stato non e’ stato mai presente. Dove lo Statuto Speciale, la tanto proclamata Autonomia Siciliana, ha significato “meno controlli e piu’ fondi da chiedere/ottenere”.

Ora ho un’altra previsione: tra pochi giorni il PD non supportera’ piu’ il governo di Raffaele Lombardo, presidente della Regione Sicilia, visto che il default finanziario si avvicina.
A tutti quanti vorrei dire che il PD, Partito Democratico, ha permesso le centinaia di consulenze dell’era Lombardo, nonche’ ha avallato i bilanci fasulli promulgati dalla Regione. Complice fino all’osso dunque, sebbene presto uscira’ dalla maggioranza e dira’ per via dei suoi portavoce che loro non c’entrano nulla…

Ribadisco, il PD, PARTITO DEMOCRATICO, o meglio noto come PDmenoL. E ribadisco pure che il PDL e l’UDC hanno supportato Cuffaro, ex predidente, oggi in galera per Mafia, ideatore dei famosi ATO rifiuti, che prega la Madonna dal carcere, avendo cercato di avvelenarci tutti con 4 mega inceneritori.

Ultima considerazione: cari concittadini Siciliani EGOISTI, che avete  per decenni votato queste carogne putride e fetide, sappiate che la vendita del vostro voto per un posticino precario non solo non e’ servita a nulla, visto che Monti ora vi tagliera’ tutti (giustamente), ma ha contribuito inevitabilmente a farci sprofondare nel degrado e nell’arretratezza con cui oggi conviviamo. Chi e’ causa del suo mal, pianga se stesso.

Fatevi due conti alle prossime elezioni. Anzi, non fatevene proprio, tanto non ci sara’ nessuno da votare, sono tutti uguali.

maggio 23, 2012

Vent’anni dopo…


Oggi e’ una giornata di commemorazione, di ricordo, e si tirano anche le somme degli ultimi vent’anni di lotta alla mafia.

Sono stati presi i mandanti della strage di Falcone, mentre l’attentato a Borsellino resta tutto un punto interrogativo, fatto di depistaggi e sospetti inquietanti come la trattativa Stato-Mafia, che non e’ piu’ solo un sospetto direi…
Per il resto, non posso che constatare un Cuffaro, presidente della Regione Sicilia, in galera per reati legati alla Mafia, cosi’ come un Lombardo, presidente della Regione Sicilia, in attesa di giudizio per reati anch’essi legati alla Mafia.
A certi livelli non e’ cambiato nulla mi viene da dire. Infatti non aggiungo le decine di parlamentari Siciliani e non connessi a camorra, andrangheta e mafia appunto. Siedono sempre li’, impuniti e spesso considerati dei perseguitati, soprattutto dal nostro ex presidente del consiglio. Di sicuro il martirio di tante persone, per mano della mafia, non ha destato nessuna coscienza li’ in alto.

Ma non pensate che l’elezione di Cuffaro o Lombardo abbia tanto a che fare con i cittadini. Nessuno in Sicilia puo’ scegliere chi votare. In Sicilia fanno tutto i partiti. Non c’e’ democrazia. Fanno leggi ad-hoc, si presentano a blocchi di mille partiti coalizzati 50% a destra e 50% a sinistra, si spartiscono le poltrone, e poi nominano QUASI SEMPRE un presidente mafioso, almeno stando ai fatti concreti. E’ un sistema che funziona cosi’ da sempre, e che puo’ essere scardinato solo orientando il proprio voto verso qualcuno che veramente non ha legami con i partiti. Come i Grillini, giovani spesso casti e puri, per ora.

Di certo e’ che la coscienza civile e’ stata molto piu’ scossa da queste stragi che la politica italiana, che mantenendo e anzi ampliando il suo distacco con la cittadinanza, favorisce e nomina tutt’oggi questi esponenti politico-mafiosi.

Spero che alle prossime elezioni Siciliane i cittadini diano un segnale di forte distacco da questa gentaccia, che da Cuffaro, costantamente visitato dall’amico Casini, a Lombardo, continuano a infangare il nome di questi splendidi magistrati.

gennaio 20, 2012

I soldi sono finiti, inizia la Rivoluzione Siciliana


Per decenni abbiamo chiesto aiuto allo Stato, aiuto per un po’ di legalita’, contro questa classe politica degna erede dei borboni che ci hanno affamato e umiliato. Per anni siamo stati addidati come parassiti, mafiosi, inetti, corrotti, incapaci, terroni, ignoranti. Per anni si e’ solo cercata un po’ di attenzione. Ma al posto dell’attenzione, arrivavano i soldi. Soldi trasferiti a quel buco nero chiamato Regione Siciliana, la gallina dalle uova d’oro che riceveva miliardi dagli amici Romani, e li spezzettava per elemosinarli ai poveracci ignoranti Siciliani, in cambio dei loro preziosissimi voti!

La situazione faceva comodo a tutti. Roma manda soldi per le infrastrutture, queste infrastrutture in Sicilia diventano enti burocratici per lo sviluppo (assunzioni etc), la gente, disperata e spesso ignorante, in cambio vota, Roma, si volta, chiude gli occhi e finge che certe cose non esistano. Il meccanismo funziona, e’ perfetto: loro mandano soldi, noi ignoranti sottosviluppati accettiamo la carita’ di 800 euro al mese, loro si beccano le poltrone, e ci mandano a fare in culo.

Italia…questa e’ (forse e’ stata, vedremo) l’Italia che ci chiama terroni, parassiti, mafiosi, ladri. L’Italia che ci ha ignorato di fronte alla prepotenza della mafia, alla prepotenza dei politici locali, alla corruzione, all’abusivismo che dilagava. Hanno permesso che la Sicilia fosse disintegrata dal cemento mafioso, poi SANATO da questi pezzi di merda di politici siciliani, facendo finta di non vedere la fine della Conca d’oro, la fine di una citta’, la fine di un’isola.

Tutto andava bene fintanto che i soldi con cui ci tenevano buoni, nell’ignoranza, nell’illegalita’, nella spazzatura, sono finiti. Sono finiti per grazia di Dio! Ed ecco che improvvisamente salta tutto in aria, tutto il meccanismo perverso crolla.  La dittatura in Sicilia e’ finita, non e’ piu’ sovvenzionata! Lombardo ha detto ai manifestanti di oggi di andare a Roma da Monti. Si. Lui non ci rappresenta. Lui prende solo 30000 euro al mese e tiene una casa abusiva che tenta di sanare! Ecco la regione. Ecco la dittatura che ci governa.

Signori, e’ il momento di porre fine allo schifo! E’ il momento di cacciare via tutti. E’ il momento di far rimbombare nelle nostre orecchie le parole di una ragazzina di 18 anni intervistata da Sandro Ruotolo, a Servizio Pubblico, che mi ha emozionato. Perche’ ha detto che loro, i giovani, sono il futuro della Sicilia, e che questa dittatura deve finire.

I giovani stanno scendendo in Piazza, l’Europa ci guarda con stupore. Ieri un mio amico tedesco mi ha detto che ha visto le immagini della rivolta siciliana. Quelle immagini che in Italia non si vedono, quelle che solo ieri Santoro ha mostrato a 1.837.000 spettatori per la prima volta.

Oggi, 20 Gennaio 2012, non siamo piu’ soli.

Viva i Forconi, viva i Siciliani.