Posts tagged ‘default’

luglio 24, 2012

La pagliuzza e la trave


Si e’ aperto recentemente un dibattito a livello nazionale sugli sprechi assurdi della Regione Sicilia. Che tutti conosciamo da decenni, in Sicilia. Se vai per le strade di Palermo e chiedi della collusione politica-locale/mafia, il piu’ ignorante dei Siciliani ti rispondera’: “Ora u stannu scuprennu?”. Questa famosa trattativa Stato/Mafia va avanti da decenni.

La Sicilia di sempre e’ solo lo specchio dell’Italia di oggi, che fino a pochi decenni fa era quasi estranea a corruzioni, mafie, caste, ricatti. Oggi l’Italia e’ diventata come la Sicilia, soffocata per anni da politici mafiosi, corrotti e incompetenti, da destra a sinistra. E allo stesso modo il grido di disperazione delle persone e’ soffocato dalla casta del potere. E chi rimprovera il fatto che si sarebbe potuto scegliere altro io rispondo, cosa??? Cosi’ come il nord ha votato Berlusconi/Bossi per gli ultimi trent’anni, considerandoli il male minore rispetto al pd-meno-l, in Sicilia si sono sempre votati degli esseri inutili che periodicamente cambiavano nomi, partiti, sigle e ideologie. Nessuna scelta. In Italia non c’e’ scelta signori!

Si accusa la Sicilia (la pagliuzza), perdendo di vista la situazione di tutta Italia (la trave). Come se Formigoni, Bossi, Cicchitto, Scajola, Fassino, Letta, Casini, Fini, Prodi, Berlusconi o Tronchetti, Li Gresti, Tanzi & C. fossero nati a Caltanissetta o Napoli. Questo schifo di politica attraversa l’Italia da Nord a Sud, con punte di corruzione evidenti, palesi e sfacciate al Sud.

Per decenni abbiamo subito soprusi politici senza possibilita’ di difesa. Da Roma hanno sempre saputo, sempre! Ma non e’ stato mai fatto nulla. Anzi, la trattativa Stato/Mafia vi dice nulla? Il nostro grido sordo si e’ sempre infranto contro il muro romano, soffocato e umiliato, pure di fronte alla morte di magistrati e uomini di stato. Uno stato che non ha mai difeso i suoi uomini, ma che li lasciava soli a partire dalle politiche decise dalle sfere del potere romano. Ora che la merda e’ arrivata pure al Nord, si puo’ capire cosa prova un popolo che da decenni, anche per responsabilita’ proprie (e chi non ne ha? Al Nord si vota Berlusconi da decenni!!!) e’ costretto ad emigrare, lasciare i cari, gli affetti, gli amici. Paradosso, o forse conseguenza, oggi si emigra piu’ dal Nord che dal Sud. E si emigra tutti verso l’estero!

Mi spiace che oggi si punti il dito contro la Sicilia, e si disorienti l’attenzione da chi da 150 anni ci fotte! La Casta! Sono tutti uguali signori, e come ci sono cascati i siciliani ci siete cascati pure voi! Lo capite che la Lombardia e’ messa come  la Sicilia, e oggi infatti trasuda corruzione e caste politiche? Lo capite che il debito della Regione Lombardia e’ piu’ alto di quello Siciliano?

Ci mettono ancora una volta contro, e questo alimenta la loro forza, permea il loro potere. Solo uniti li possiamo abbattere! La loro strategia e’ divide/et/impera. La nostra deve essere uno/per/tutti/tutti/per/uno.

Io votero’ movimento 5 stelle.

Annunci
luglio 18, 2012

Previsioni


Chi mi conosce o chi legge cio’ che scrivo sa benissimo che prospettavo il Default finanziario della regione Sicilia da almeno 1 anno. E oggi questi presentimenti si stanno concretizzando.

Del resto e’ pura ipocrisia del Governo di Roma pretendere di non esserne stato a conoscenza fino ad oggi: le clientele e i numeri insostenibili della macchina burocratica siciliana li conoscevamo tutti: 28000  forestali, 21000 regionali, 20000 dipendenti comunali a Palermo solamente…
E lo sperpero dei fondi Europei? Non lo si conosceva forse? Gli scandali sulla formazione professionale?

Eppure nessun warning, nessun richiamo, nulla. Anzi, come ad avallare questa politica, anche 70 milioni da Silvio per pagare la GESIP. E sanno tutti che in Sicilia si cammina in trazzere costruite dai Borboni, o ci sono ancora ferrovie dei tempi del fascismo. Un territorio insomma dove la mafia ha trovato terreno troppo fertile per svilupparsi fino al mostro che e’ oggi. Dove lo Stato non e’ stato mai presente. Dove lo Statuto Speciale, la tanto proclamata Autonomia Siciliana, ha significato “meno controlli e piu’ fondi da chiedere/ottenere”.

Ora ho un’altra previsione: tra pochi giorni il PD non supportera’ piu’ il governo di Raffaele Lombardo, presidente della Regione Sicilia, visto che il default finanziario si avvicina.
A tutti quanti vorrei dire che il PD, Partito Democratico, ha permesso le centinaia di consulenze dell’era Lombardo, nonche’ ha avallato i bilanci fasulli promulgati dalla Regione. Complice fino all’osso dunque, sebbene presto uscira’ dalla maggioranza e dira’ per via dei suoi portavoce che loro non c’entrano nulla…

Ribadisco, il PD, PARTITO DEMOCRATICO, o meglio noto come PDmenoL. E ribadisco pure che il PDL e l’UDC hanno supportato Cuffaro, ex predidente, oggi in galera per Mafia, ideatore dei famosi ATO rifiuti, che prega la Madonna dal carcere, avendo cercato di avvelenarci tutti con 4 mega inceneritori.

Ultima considerazione: cari concittadini Siciliani EGOISTI, che avete  per decenni votato queste carogne putride e fetide, sappiate che la vendita del vostro voto per un posticino precario non solo non e’ servita a nulla, visto che Monti ora vi tagliera’ tutti (giustamente), ma ha contribuito inevitabilmente a farci sprofondare nel degrado e nell’arretratezza con cui oggi conviviamo. Chi e’ causa del suo mal, pianga se stesso.

Fatevi due conti alle prossime elezioni. Anzi, non fatevene proprio, tanto non ci sara’ nessuno da votare, sono tutti uguali.